PROGETTO CITTADINANZA RESPONSABILE: Percorsi di educazione alla convivenza civile

 Si vuole guidare il ragazzo verso una convivenza democratica che nasce dall'incontro tra le diversità culturali, dal superamento dei pregiudizi, dalla disponibiltà all'ascolto delle storie e delle ragioni altrui,  dalla condivisione di un'idea di società fondata sul rispetto dei diritti umani e sulla giustizia sociale.

  • "Progetto Cittadinanza attiva: percorsi di educazione alla legalità e alla responsabilità civile e umana"

    Lunedì 26 novembre 2018, durante l'incontro con gli uomini del Commissariato di Domodossola, gli alunni della Scuola

    Sec. di I grado hanno ricevuto l'agenda della legalità "Il mio diario". L'iniziativa è inserita nel Progetto voluto dal

    Ministero dell' Interno ed ha fornito l'occasione per discutere e approfondire con gli studenti le tematiche relativa alla

    legalità, ai diritti umani e soprattutto ai principi fondamentali della Carta Costituzionale.

- GIORNO DELLA MEMORIA

  • In occasione della "Giornata della Memoria" gli alunni delle classi I , II e III hanno visto il film documentario " La pianista bambina" seguito da un forum con riflessioni sulla dignità della persona. 

  • Lunedì 28 gennaio 2019 gli alunni della classe III "A.Rosmini" e "Gisella Floreanini" hanno presentato l'evento per la Giornata della Memoria" con una libera interpretazione ispirata all'opera letteraria "La pianista bambina" presso l'Aula Magna della Scuola. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Presso la Fontana della Pace di Largo Caduti Lager Nazisti,  gli alunni della classe III hanno partecipato alla cerimonia istituzionale dedicata  al ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e di tutti coloro che subirono la deportazione nei campi nazisti durante la II guerra.

  Foto con il Sig. Falciola Mauro, sopravvissuto alla deportazione nella Prussia orientale                 Foto con il Sindaco

 

 - CINEFORUM "La Rosa Bianca"

  • In occasione della "Giornata della Memoria" gli alunni delle classi I , II e III hanno visto il film "La Rosa Bianca" tratto dal libro di Inge Scholl. E' la storia vera dei fratelli Hans e Sophie Scholl che diedero vita al movimento di opposizione al nazismo e  furono giustiziati il 22 gennaio 1943. Attraverso il racconto della sorella Inge, di amici e testimoni delle loro ultime ore, emerge una passione per la vita che nemmeno il terrore del regime potè soffocare.  Dopo la visione del film è seguito il forum sulla libertà e i diritti fondamentali dell'uomo.

- 21 MARZO: GIORNATA IN MEMORIA DELLE VITTIME DELLA MAFIA

  • Mercoledì gli alunni della classe I, II e III hanno ricordato tutti coloro che hanno dato la vita nella lotta contro la criminalità organizzata. I professori, attraverso video e testimonianze li hanno accompagnati alla scoperta delle personalità di Borsellino, Falcone, Peppino Impastato, Don Pino Puglisi veri e propri capi saldi nella lotta contro tutte le mafie. I ragazzi hanno potuto così scoprire il valore e la forza di volontà di questi uomini che, per "spirito di servizio" e fede profonda hanno sacrificato se stessi in nome della giustizia e della libertà.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

- "LA PRIMA PAGINA CHE VORREMMO"

Partecipazione a “La prima pagina che vorremmo” iniziativa editoriale in collaborazione con il giornale Eco Risveglio. Sono state scritte dagli alunni tre notizie:

  • Una locale: inaugurazione della città dello sport.

  • Una nazionale: i migranti tra diversità, ricchezza umana e dignità della persona.

  • Una internazionale: l’Europa, quale significato per i giovani.

 

SGUARDO SPALANCATO

 Dentro e fuori la nostra piccola realtà: apertura totale

 

Gli insegnanti ci spronano a leggere i fatti e a sviluppare un giudizio critico. Ci hanno colpito tre notizie: Domo città dello sport, i migranti e l’UE. Il 3.6.2018 ha stupito l’inaugurazione della” Città dello sport”, presenti il Presidente del CSI VCO Marco Longo Dorni, anima del progetto, il Sindaco Pizzi L., il Parroco D. Vincenzo Barone, il Presidente della Fondazione Cariplo e altre cariche. L’opera ha illuminato lo sguardo: che splendore, ne avevamo bisogno! Domodossola: Borgo della cultura e anche città dello sport e della salute. È però anche altro. È una realtà di aggregazione, di prevenzione: fare sport toglie dalla noia e dalla strada. Ha un fine sociale e inclusivo, è per tutti: chi non può pagare la quota delle palestre con una modica cifra può usare la pista. Anche noi studenti abbiamo apprezzato il centro durante i giochi rosminiani.

A Domo non restiamo in attesa di un mondo migliore, lo costruiamo!                                                                                                                                                                               (Nadia C., Linda M., Andrea V.)

"Non si tratta solo di migranti”

È il titolo della 105° edizione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. Non parleremo di politica ma del richiamo di Papa Francesco sul razzismo e la discriminazione, al centro dei dibattiti nel nostro Paese, un tempo conosciuto come il più ospitale. L’odio e l’egoismo hanno offuscato la persona. Quando si sente migranti e rifugiati, si pensa sola ad Altri che vengono a prendere del nostro, dimenticando di avere davanti delle persone. Le motivazioni del loro “viaggio” sono drammatiche, ma hanno nel cuore la nostra stessa spinta che ci porta ad aprirci al mondo per ricercare la felicità che è dell’uomo. Altro concetto richiamato e su cui noi lavoriamo è la dignità. Sta sparendo dai giornali o dai discorsi politici, lasciando spazio a numeri. Ne risente l’accoglienza. Ci è stato insegnato di accogliere il diverso, ma sembra che non valga per i migranti. Nella nostra scuola, l’accoglienza è un’opportunità per guardare ai “nuovi” che arrivano accompagnandoli nel cammino di conoscenza per scoprire il nuovo e il diverso in noi stessi. L’occasione è arrivata allo spettacolo” Cercatori di felicità”, abbiamo ascoltato la testimonianza di un migrante scampato alla morte e accolto dalla famiglia di un circo. Era uguale a noi, cambiavano i desideri ma i bisogni erano gli stessi: libertà, felicità, giustizia, verità, amore.

                                                                 (Paolo B., Alberto F., Gabriele F., Andrea G., Cristian P., Beatrice Z.)

 

“Sono tornato a casa con la consapevolezza di far parte di un’identità più grande: l’Europa”

Parole, trovate su internet, di ragazzi che tornano in Italia dopo un’esperienza di studio all’estero. Ci hanno colpito e studiando abbiamo scoperto che l’Europa non è solo politica ed economia. L’UE finanzia progetti come l’Erasmus oppure l’“Euroscuola” per fare il neoparlamentare a Strasburgo. Peccato: è per le superiori. Per noi hanno promosso l’attività “Detective del patrimonio culturale”, è di aiuto visto che siamo stati coinvolti nelle giornate FAI come guide al S.M. Calvario. L’UE deve aiutarci a recuperare le radici europee che mettono al centro la persona. Abbiamo scoperto che i valori condivisi e l’identità europea ci rimandano alle radici cristiane che accompagnano l’Europa dalla sua nascita. Lo ha ribadirlo anche il presidente del Parlamento europeo Tajani: «La Croce è il comune denominatore dell'Europa; la bandiera porta le tracce di questa identità: azzurra come il manto della Madonna, con dodici stelle che rappresentano le dodici tribù d'Israele e la corona di Maria. L’Europa è l’unione di questo e del nuovo e non dell’annullamento delle origini.                                                                                                                (Silvia M., Mattia O., Andrea T., Elena V.)

 

 

- I VIGILI DEL FUOCO DI DOMODOSSOLA 

Il giorno 20 aprile 2018 una delegazione di alunni della classe I ha partecipato all’inaugurazione del nuovo “castello” di manovra dei Vigili del fuoco di Domodossola. Durante la cerimonia, gli alunni hanno cantato l’inno d’Italia.

 

 

 

 

-INSIEME PER LA LEGALITA': educare alla cultura delle regole 

  • Gli alunni delle classi I, II e III  Secondaria di I grado hanno partecipato ad un incontro con i finanzieri Tenente Cecilia Tangredi e Brigadiere Capo Buccarella Giordano, accompagnato dal cane Saco, con lo scopo di sensibilizzare i giovani al valore civile ed educativo della legalità economica, nonché delle attività svolte dal Corpo della Guardia di Finanza nei vari settori: prevenzione dell'evasione fiscale e dello sperpero di risorse pubbliche, falsificazione, contraffazione, uso e spaccio di sostanze stupefacenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Gli alunni della classe I hanno realizzato dei fumetti relativi

ad episodi illegali dal tema "NO all'illegalità".

Gli alunni della classe II hanno individuato i termini che

contribuiscono a comportamenti sulla legalità condivisa, con

la produzione di spot contro l'illegalità. L'immagine rappresenta

un albero i cui rami simboleggiano le braccia delle persone

che insieme  possono sconfiggere l'illegalità. 

I ragazzi della classe III hanno prodotto un glossario sui reati

e i principi costituzionali della legalità. Hanno ricercato

articoli sul giornale "Eco Risveglio" e sulla rivista "Il Finanziere"

su azioni illegali nel VCO e nel resto d'Italia relativi ai reati

in ambito specifico della polizia tributaria.

 

 

 

 

 

 

-INCONTRI CON GLI  ESPERTI 

Prof. Salina  Claudia: "Persona, identitrà, diversità, diritti fondamentali dell'uomo".

Giudice Costituzionale e Presidente Corte Costituzionale Docente Cartabbia Marta: "Persona e libertà".

Coniugi Calanna: incontro testimoninza e presentazione del libro "KiKot".